Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

LA SCALA MOBILE PER LA VECCHIA CITTA

Finalmente una posizione interessante e intelligente.

Non credo che la politica abbia la forza  di riuscire  a risolvere i grossi problemi che esistono per realizzarla.

Le problematiche sono :

  • la partenza  di Piazza Grande è su suolo privato e presuppone un diritto di superficie
  • il percorso  modifica la distribuzione interna ( scale ) dello stabile Romerio
  • il percorso viaggia a confine con la proprietà dell’Albergo D’angelo e perciò deve ottenere una deroga dai proprietari

  • la scala deve avere una copertura in modo da limitarne l’usura e la manutenzione
  • l’arrivo che è proprio in fondo al posteggio davanti a Belotti Sport presuppone lo spostamento dei contenitori interrati dei rifiuti

  • l’arrivo va concepito come la porta d’entrata della città vecchia magari con una zona accoglienza verde e con informazioni sul nucleo storico.

Alla luce di questa situazione forse va valuta un’alternativa.

Mi permetto di mettere sul piatto l’idea per un alternativa in quanto ho vissuto molti anni nello stabile Romerio di Piazza Grande.

Penso che sia opportuno valutare l’alternativa di far diventare Pubblico il grande ascensore esistente  che  che è proprio nel ubicazione prevista per la scala mobile.

Prolungando la corsa di questo lift, che è di grande capienza, si potrebbe raggiungere il livello della città vecchia e con una passerella orizzontale si accederebbe al parcheggio vicino alla chiesa.

Questa ipotesi ha il vantaggio che:

  • non  va a intaccare fisicamente gli stabili privati
  • ha un costo di infrastruttura molto inferiore
  • permette l’utilizzo da parte dei mezzi di deambulazione degli anziani e alle sedie a rotelle
  • ha una capienza tale che sposta velocemente i gruppi di turisti

Le problematiche da risolvere sono:

  • quelle legate all’usufrutto pubblico di una infrastruttura che è di un privato, la strada potrebbe essere quella di un diritto di superfice
  • quella di dover modificare  l’ascensore compatibile con le normative per il pubblico utilizzo
  • concedere una contro partita ai proprietari del immobile, e garantire ai loro inquilini sicurezza, tranquillità, pulizia e rispetto della privacy.